Confapi incontra la DG prestazioni a sostegno al reddito dell’Inps

del 31.03.2016

Nell’ambito della Consulta dei Direttori tenutasi presso la sede di Confapi lo scorso 23 marzo, si è svolto un incontro con la Direzione Generale Prestazioni a sostegno al reddito dell’INPS, con il dott. Gaetano Corsini.

L’incontro è stato a finalizzato a consentire l’illustrazione di taluni punti controversi della riforma degli ammortizzatori sociali introdotta con il d.lgs. 148/2015, con particolare riferimento alla Cassa Integrazione ordinaria (CIGO) ed, al contempo, a dare risposta a taluni quesiti interpretativi presentati dalle Associazioni territoriali di Confapi che assistono le imprese nell’iter procedimentale teso all’ottenimento del trattamento di integrazione salariale.

Nell’incontro il dott. Corsini ha esplicitato le novità salienti introdotte dalla riforma anche rispetto a quanto prevedeva la precedente disciplina nonché ha chiarito taluni dubbi interpretativi emersi nel delicato periodo di transizione tra il pregresso regime della CIGO rispetto a quello introdotto dalla “148/2015”.

In particolare, si è appreso che a breve verrà emanato il decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali che conterrà i criteri direttivi che le sedi territoriali INPS dovranno applicare per concedere la CIGO, che il ruolo delle Parti sociali dovrebbe esser recuperato nella fase istruttoria della procedura di concessione stante l’abolizione ad opera della nuova normativa delle Commissioni provinciali competenti che operavano nel vecchio regime, che l’anzianità di 90 giorni necessaria affinché il lavoratore possa essere posto in CIGO deve intendersi riferita ai giorni effettivi di lavoro (non dovranno computarsi ad esempio, le ferie, il periodo di malattia e la maternità) e che in caso di trasferimento di ramo d’azienda e di cambio appalto va considerata anche l’anzianità maturata nella unità produttiva di provenienza.

Nelle more della transizione con il nuovo regime, proprio al fine di non paralizzare l’attività istruttoria e di autorizzazione del trattamento, si è riferito che l’INPS con Messaggio n. 779 del 16.02.2016 ha chiarito che le sedi territoriali competenti ad erogare la CIGO dovranno applicare i criteri di esame delle domande sinora applicati dalle abrogate Commissioni Provinciali. Sempre in attesa di una previsione espressa in tal senso da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si è altresì, precisato, sul limite dell’art. 12, comma 5, del d.lgs. 148/2015, che l’INPS interpreterà il suddetto in senso estensivo riferendosi alle ore effettivamente fruite non già a quelle autorizzate.

Il dott. Corsini ha infine riferito che a seguito della emanazione del citato Decreto del Ministro, l’INPS provvederà a, sua volta, fornire i necessari chiarimenti di merito con propria circolare esplicativa.

Ufficio Stampa Confapi Padova
stampa@confapi.padova.it